pericoloso osservare il sole

ECLISSI SOLARE: pericoloso osservare il sole

Ultima eclissi solare totale in Italia il 21 agosto 2017: scopri quanto è pericoloso osservare il sole e come farlo proteggendosi in maniera corretta!

Come evitare di bruciarsi gli occhi?

L’occhio è una lente che converge sulla retina, 3-5 volte più potente di una lente d’ingrandimento. Pensiamo a com’è facile incendiare un pezzo di carta focalizzando su di esso il sole attraverso una lente d’ingrandimento!  Guardando il sole rischiamo pertanto una vera e propria bruciatura sulla retina (retinopatia solare), che danneggia irreversibilmente i coni ed i bastoncelli.

Ho una paziente che ha perso la vista centrale in entrambi gli occhi all’età di 15 anni perché ha guardato l’eclissi, sebbene con gli occhiali da sole… e tutt’ora ha una cicatrice sulla macula.
Al momento si potrebbe anche non accorgersi di nulla, ma solo successivamente percepire una macchietta nera al centro del campo visivo, che corrisponde al danno (edema) e che lascia poi una vera e propria cicatrice (atrofia).
Il solo momento sicuro per guardare un’eclissi ad occhio nudo è con il sole completamente oscurato, che dura circa 2 minuti. Mentre anche guardare un’eclissi subtotale con una piccola fettina di sole, può creare danni irreversibili alla vista.

I normali occhiali da sole bloccano il 50% circa dei raggi solari. E’ pericoloso osservare il sole direttamente. Per farlo è necessaria una protezione del 99.9%, anche perché molte persone utilizzano un binocolo o un telescopio, che fanno a loro volta da lente d’ingrandimento.

pericoloso osservare il sole

COME OSSERVARE L’ECLISSI

Online sono disponibili apposite lenti da eclissi anche a prezzi contenuti, ma verificate che siano certificate e marchiate ISO 12312-2, che si possono montare su macchine fotografiche, binocoli e telescopi. Anche se per la prossima eclissi dovremo aspettare il 2027, ecco una curiosità interessantissima per chi volesse “vederla” in maniera ultrasicura, suggerita dalla NASA. Basta creare un foro di 5mm su un cartoncino, tenuto ad 1 metro di altezza da uno sfondo bianco (vedi: https://eclipse2017.nasa.gov/solar-viewing-projector).

Un altro sito con i consigli per fotografare al meglio il sole: https://eclipse.aas.org/imaging-video/images-videos

RETINOPATIA ATTINICA

Cos’è esattamente una retinopatia solare? Si tratta di una lesione termica (fotocoagulazione), causata da un’esposizione breve ma intensa alla luce oppure dopo un’esposizione lunga a raggi con una lunghezza ďonda sufficiente a produrre un aumento della temperatura di soli 4-5°C. La gravità del danno dipende quindi da durata, intensità e lunghezza d’onda della sorgente luminosa.

Cause di retinopatia attinica:

  • retinopatia solare;
  • retinopatia dei saldatori;
  • retinopatia da esposizione a sorgenti laser;
  • retinopatia da esposizione alla luce del microscopio operatorio;
  • retinopatia da esposizione alle unità di terapia intensiva neonatale.

SINTOMI: si manifesta solitamente una riduzione delľacuità visiva, scotoma centrale, discromatopsia (alterazione della percezione dei colori), fotofobia.

COME SI GESTISCE?

CLINICA: all’esame oftalmoscopico si apprezza un’alterazione giallognola del riflesso foveale. L’OCT solitamente mostra una lesione iperriflettete in sede subfoveale senza modificazioni del profilo maculare.

L’infiammazione migliora nelle 2-4 settimane successive e di solito si risolve, ma può lasciare esiti permanenti. Le possibilità di recupero si correlano alla perdita visiva iniziale e solitamente non superano le 2-4 linee di visus.

Può essere utile una terapia antinfiammatoria come Indometacina cpr 50 mg/die e Yellox coll x4/die, oltre ad integratori per i fotocettori come Luteina 1 cpr/die. La lesione all’OCT possono risolversi o persistere sottoforma di piccola area iporeflettente subfoveale.

 

______________________________________

Vota questo articolo:

______________________________________

Seguici sui nostri social:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

privacy policy
cookie policy


Letizia Mansutti

P.IVA-11112190159
C.F. MNSLTZ63E68F205M

info@letiziamansutti.com
chiamaci: 02 890 123 07

©2021 | Sito Web realizzato da:
doublemalt